[Indietro]  [Home]  [Avanti]
LUCCA (LU)
Foto 1 Foto 2 Ubicazione Descrizione
 [Campanile del duomo di S. Martino]  [Campanile della chiesa di S. Michele] Nazione:
Italia

Regione:
Toscana

Provincia:
Lucca

Wel Lucca

Vedi sotto

Foto 3 Foto 4 Foto 5
 [Campanile della chiesa dei Santi Giovanni e Reparata]  [Campanile della chiesa di S. Frediano]  [Campanile di Lucca]
Foto 6 Foto 7 Foto 8
 [Campanile della chiesa di S.Maria Forisportam]  [Campanile di Lucca]  [Campaniletto della chiesa di S. Bartolomeo in Gottella]
Foto 9 Foto 10 Foto 11
 [Campanile di Lucca]  [La Torre delle ore]  [Non è un campanile: Torre Guinigi]
Città fondata dai romani, Lucca fu nel medioevo longobardo capitale della Tuscia e luogo di residenza del re. Ebbe notevole sviluppo in età comunale e dopo la Signoria di Castruccio Castracani e Paolo Guinigi passò a libera repubblica. Nel 1500 fu eretta la terza cerchia di mura, che ancora oggi possiamo ammirare intatta. Nell'Ottocento divenne Granducato sotto il governo di Elisa Baciocchi (sorella di Napoleone), poi Ducato sotto il governo di Maria Luisa di Borbone. Importanti modifiche urbanistiche furono eseguite durante i governi delle due signore; nacque Piazza Napoleone, le antiche mura furono trasformate in parco pubblico e sorse la famosa Piazza del Mercato, disegnata dall'architetto Nottolini.
Nel 1847 entrò a far parte del Granducato di Toscana, conservando comunque una certa autonomia e un gusto da piccola capitale.
Il Comune di Lucca comprende un vasto territorio che va dalle Apuane, alla Garfagnana, passando dal mare della Versilia. Lucca è una città ricca di opere d'arte che l'hanno resa celebre in tutto il mondo; è detta anche la "città delle cento chiese", ed alcune delle quali sono davvero bellissime; ne citiamo a titolo di esempio: il Duomo, centralissimo, è dedicato a San Martino, sotto il portico ci sono due affreschi di Nicola Pisano e all'interno si possono ammirare l'Ultima Cena del Tintoretto e una Pala del Ghirlandaio. L'opera però più famosa all'interno del Duomo è senz'altro il monumento sepolcrale di Ilaria del Carretto (moglie del Signore Paolo Guinigi morta giovane), in marmo, scolpito da Jacopo della Quercia nel 1408.
La Chiesa di Sant'Alessandro che conserva ancora la pulizia del classico romanico lucchese con la sua particolare facciata marmorea a fasce bianche e grigie.
San Michele in Foro (XI-XII sec), di architettura romanica pisano-lucchese, ha la facciata impreziosita da quattro ordini di logge, l'interno a tre navate era coperto da un soffitto a capriate che fu sostituito nel cinquecento da volte sopra le quali è ancora conservata una fascia ad affresco. Tra le opere più significative conservate nella chiesa sono da segnalare una "Madonna col Bambino" di Andrea della Robbia ed una splendida pala ad olio di Filippo Lippi con i "SS. Girolamo, Sebastiano, Rocco ed Elena". Infine la Chiesa di San Frediano del 1300 circa, con singolare facciata tripartita, sovrastata da un grande mosaico raffigurante l'Ascensione; al suo interno si trovano una romanica Fontana Lustrale, terrecotte Robbiane ed i Rilievi di Jacopo della Quercia.